Allievi e Cadetti in Marcia

Fine settimana in marcia per gli atleti della Toscana, impegnati sabato 15 Settembre a Siena in occasione dei Campionati Regionali Individuali under 18 e domenica per il CDS Cadetti/e finale regionale.

Vittoria del Titolo per Ginevra Perini (Atletica Grosseto Banca Tema ) e per Andrea Cosi (atletica Firenze Marathon). Tutto come da pronostico al femminile e il 28’12” rappresenta  un buon rientro post infortunio per l’atleta  grossetana lontana ancora dalla miglior condizione. Secondo posto per Matilde Minuti (Atletica Livorno) con 29’48”,  che ancora deve sicuramente trovare i giusti sincronismi tecnici ma che ha dimostrato un miglioramento rispetto alle ultime prove e terzo posto per Maria Sole Franceschi (Atletica Libertas Livorno) con 30’03”. Anche la Franceschi era al rientro dopo una lunga assenza e speriamo questa possa essere solo l’inizio verso la miglior condizione per affrontare  la prossima stagione agonistica.

allieve

Il podio delle Allieve

Al maschile vittoria per Andrea Cosi (Atletica Firenze Marathon) attraverso un buon allenamento concluso con il tempo di 23’11″, completano il podio Dario Funari (Atletica Prato) secondo con 28’09” e Andrea Giovanetti (Atletica Livorno) terzo con 31’41”.

Sul fronte Cadetti, si scaldano i motori ormai a ridosso dei Campionati Regionali Individuali che si svolgeranno a Grosseto il 22 Settembre, gara che assegnerà anche i Titoli a squadre su pista, ma soprattutto si contano ormai i giorni per quello che sarà il main event degli Under 16 e cioè i Campionati Italiani Cadetti 2018 che si svolgeranno a Rieti.

Tutto come da pronostico e senza farsi “troppo male” a Firenze per la finale dei CDS cadetti. Giada Traina (Atletica Livorno) vince l’ennesimo scontro diretto in 15’26” mentre si riprende il secondo posto Luce Accordi (Assi Giglio Rosso) con 15’33” con al terzo posto Martina Quartararo (Atletica Livorno). Sono ben sei le atlete che finiscono la gara sotto i 16’00” , oltre le tre già citate , bene Sofia Fiorini (Atletica Casentino Poppi) 15’46” , Aurora Cerretini (ASD La Galla Pontedera) 15’46” e Emma Umiliani (Assi Giglio Rosso) 15’58”.

Al maschile vittoria per Claudio De Santis (Atletica Libertas Livorno) con 24’41” con al secondo posto Jacopo Farnesi (Atletica Livorno) 24’55”. Si rinnova il duello tra i due ragazzi di Livorno che renderà ancora più avvincente la lotta per il titolo del prossimo sabato. Al terzo posto Gabriele Melisi con 25’53” e lo stop di 30” in Pit Line.

Annunci

Picchiottino ad un Passo dal Titolo

Poteva essere una gara come le altre, in un contesto stagionale di passaggio e con tanti km invernali nel pensiero di tutti gli atleti di vertice, ma non è stato così. Mai dare nulla di scontato in un Campionato Italiano Assoluto dove tutti sono sorridenti, tutti consapevoli che i grandi appuntamenti sono già scivolati via e qualcuno con il pensiero di ciò è stato ma soprattutto di ciò che sarà. Voglia di conferma, voglia di rivincita, voglia di tornare in allenamento per poter costruire ognuno il suo obiettivo, ma non è stato così.

Nella gara maschile Massimo Stano dopo l’ottima stagione parte da favorito e dopo i primi tre km sembra già aver fatto suo il Titolo. Proiezione under 40’ e passerella già iniziata quando al quarto km cominciava a muoversi il nostro Gianluca Picchiottino deciso affiancava e superava nell’ordine Francesco Fortunato, Stefano Chiesa e poi Federico Tontodonati (campione uscente) per poi buttare via il cappellino nella tempesta d’acqua Pescarese e puntare deciso al bottino grosso. Tutte le sicurezze che il capofila Stano aveva costruito nei primi 6km cominciavano a vacillare e Gianluca riduceva il gap da 22’’ fino ai 3” dell’ultimo passaggio. Una cavalcata incredibile che proprio quando sembrava fatta, in quegli ultimi 500 mt , Massimo Stano riusciva a resistere e vincere con 7” all’arrivo. Abbraccio finale ma non c’ è stato un allenatore che non è rimasto a bocca aperta per quello che il neo finanziere Gianluca Picchiottino ha creato nell’ultimi 5 km della gara. Vince Stano in 39’19” con il Picchiottino a 39’26” e per far capire la portata del tempo basta ricordare che rappresenta la miglior prestazione Italiana All Time Under 23 su strada e la sesta Prestazione Italiana Assoluta di sempre. Tanta Toscana in questa gara con altri due portacolori dell’Atletica Firenze Marathon nei primi 10. Settimo Ettore Grillo con un ottimo 42’21” attraverso una gara di attacco e regolare nel finale mentre Niccolò Coppini chiude al 10° posto con 44’23”. Non è finita qui per la Toscana: 12° esimo Fabio Barattini (Atletica Livorno) chiude con 44’36”, primo juniores al traguardo e ancora in crescita.

Pioggia scrosciante anche al femminile e subito il duello che ti aspetti, Antonella Palmisano e Valentina Trapletti, un omaggio per i pochi, soprattutto allenatori e coraggiosi giudici, sul percorso di gara semi allagato. Una sfida risolta dalla finanziera con un progressivo lanciato nei 3 km finali. Titolo assoluto e poi via finalmente a sposarsi. Gara femminile con poca Toscana purtroppo, si difende come può Ilaria Galli (Atletica Firenze Marathon) e con 51’53” chiude al 10° posto mentre al 18° posto la debuttante Matilde Capitani chiude con 54’01”, terza tra le juniores al via. Non finisce qui, perché a metà ottobre i marciatori saranno ancora impegnati per l’ultima prova del CDS di marcia su strada con la 50 km maschile e la 20 km femminile.

Finocchietti e Bertini alle Olimpiadi Giovanili in Argentina

olimpiadiSaranno Simona Bertini, bronzo ai recenti Campionati Europei Allievi a Gyor, e Davide Finocchietti, medaglia d’oro e Campione Europeo nella stessa manifestazione, a difendere i colori azzurri nelle gare di marcia ai Giochi Olimpici Giovanili a Buenos Aires nel prossimo mese di Ottobre.

Simona Bertini, tesserata per A.S.D. Francesco Francia, allenata da Luca Montoleone, da cinque anni pratica atletica ma solo da un anno e mezzo si allena costantemente avendo lasciato il calcio, dedicandosi alla marcia. Fin dall’inizio della stagione 2018 avevamo potuto notare i suoi grossi miglioramenti, prima a Grosseto sui 10 km a Gennaio, seconda alle indoor a Febbraio, poi 3 vittorie in Italia, Livorno ai CDS su pista, Brixia Meeting e infine a Rieti il titolo Italiano. A Gyor nel mese di Luglio con una bellissima gara in rimonta ha messo al collo un’importante medaglia di bronzo che le da il diritto di partecipare alla manifestazione in Argentina

Davide Finocchietti tesserato per l’A.S.D. Libertas Runners Livorno, allenato da Massimo Passoni, pratica atletica fin da esordiente, avvicinato a questo sport sulle orme dei cugini ha trovato nella marcia la sua dimensione; dopo i tre titoli italiani e le due convocazioni in azzurro nel 2017, il 2018 non era iniziato nel migliore dei modi a causa di un infortunio che lo aveva tenuto lontano dalle gare nei primi mesi dell’anno, ma caparbietà e determinazione non lo hanno certo abbandonato, riuscendo nei mesi successivi ad indossare per ben tre volte la maglia azzurra, Podebrady, Taicang ai Campionati Mondiali per Nazioni e Gyor agli Europei Allievi dove con una gara da incorniciare è salito sul gradino più alto del podio.

Abbiamo incontrato telefonicamente Luca Montoleone che ci ha raccontato qualcosa della sua atleta e di come vede la manifestazione internazionale alla quale parteciperà:

“Dopo il risultato mi anticiparono che, approvazione del CONI permettendo, Simona sarebbe stata convocata per Buenos Aires, poi qualche giorno fa è arrivata la mail ufficiale del CONI a confermare il tutto. Che dire… è una manifestazione strana. Avviene ogni quattro anni ed è per la categoria U18, se nasci nell’anno sbagliato ti attacchi al tram. Inoltre usare il nome OLIMPIADI è un po’ molto pericoloso. Sono fermamente convinto che il compito di un allenatore sia quello di accompagnare (non a caso Coach ha diversi significati) i propri atleti in un percorso. Nel settore giovanile, l’obiettivo è creare le basi affinché il ragazzo/a abbia le possibilità di esprimere tutto il suo potenziale nella carriera assoluta, gli obiettivi stagionali quali vittorie, medaglie, piazzamenti sono secondari. In virtù di questo la partecipazione di Simona non è un punto di partenza, perché non è che ci siamo grattati la pancia fino a ieri, e non è nemmeno un punto di arrivo in quanto spererei che nel futuro continui a migliorare e a togliersi soddisfazioni. E’ una tappa intermedia inaspettata e un po’ fortunosa (personalmente non mi ero nemmeno informato su come fare a qualificarsi), che le darà la possibilità di fare sicuramente un’esperienza unica che comunque vada, sia in termini di piazzamento che di tempo, le lascerà un bellissimo ricordo. Quindi non posso che essere molto contento per lei dal lato umano, far sì che l’approccio e la voglia non cambino per un senso di appagamento dal lato allenatore e infine rosicare un po’ perché da atleta ancora in attività non sono mai andato in nazionale!”

Sulla stessa lunghezza anche Massimo Passoni: “Una bellissima stagione quella che ha fatto Davide, iniziata in salita è stata un crescendo di emozioni e di risultati fino alla vittoria di Gyor.  Sono sempre più convinto che le medaglie vinte a livello giovanile contano ben poco se dietro non c’è una programmazione per il futuro, per ambire a traguardi e risultati più importanti. La trasferta argentina sarà una tappa di passaggio, che andrà, insieme a tutte le altre esperienze internazionali fatte, ad incrementare il suo bagaglio.

In bocca al lupo ragazzi.

Ripartiamo da Abbadia San Salvatore

La marcia toscana ripartirà da Abbadia San Salvatore con il raduno organizzato dal Comitato Regionale Toscano, abbiamo incontrato Massimo Passoni Responsabile del settore, che non potrà essere presente al raduno a causa di un infortunio mentre era in Raduno al Sestriere con la Nazionale.

Ciao Massimo, il raduno al Sestriere ti ha giocato un brutto scherzo?

Un piccolo incidente di percorso, non fermerà certo la mia voglia di fare e di continuare a promuovere la marcia, ventuno giorni con i quattro migliori under 23 italiani raggiunti poi da tre under 20 è stata una bellissima esperienza.

Mi sono messo a disposizione dei ragazzi cercando il più possibile di unificare i programmi personali che ognuno aveva, il lavoro in gruppo paga sempre. Nel 2018 in altre tre occasioni avevo avuto modo di lavorare con loro, il progetto sviluppo promosso da Stefano Baldini sta dando i suoi frutti e i ragazzi stanno crescendo.

Il 29 partirà il raduno ad Abbadia, anche noi in Toscana abbiamo cercato in questi anni di lavorare in gruppo,  condividendo frequentemente esperienze e programmi per favorire la crescita del nostro movimento.

Sarà presente al raduno, insieme ai giovani ragazzi toscani, Gianluca Picchiottino, mi auguro che sia di stimolo per tutti.

Gli atleti lavoreranno quattro giorni sotto la guida tecnica di Roberto Mazzantini, un allenatore che non ha certo bisogno di presentazione, coadiuvato da Giorgio Favati, il tecnico dell’Atletica Livorno che negli ultimi anni sta raggiungendo con i suoi atleti degli importanti risultati.

Quali sono gli appuntamenti che vedranno impegnati i nostri atleti nella seconda parte di stagione?

Diversi appuntamenti ci vedranno impegnati su più fronti:

Gli juniores domenica 2 settembre a Livorno si giocheranno il Titolo regionale, gli Allievi lo faranno il 15 a Siena in occasione anche dei cds di società, i cadetti il 16 a Sorgane e il 22 a Grosseto andranno alla caccia del minimo per il Criterium di Rieti ( 7 e 8 ottobre) oltre al titolo Toscano a squadre e individuale.

A Pescara venerdì 7 andranno in scena i Campionati Italiani Assoluti sui 10.000, il 21 ottobre si assegna il titolo italiano sulla 50 km a Reggio Emilia oltre a quello individuale allievi sui 10.000.
A Grottammare il 28 ottobre si svolgerà la finale dei Trofei per rappresentative dove noi chiaramente come Toscana desideriamo dire la nostra.

Davide Finocchietti recente vincitore del Titolo Europeo Allievi sarà impegnato a Buenos Aires per le Olimpiadi Giovanili con la Nazionale Italiana nella prima metà di Ottobre!

Adesso c’è solo una cosa da fare …mettere fieno in cascina….. Buon lavoro ragazzi!

 

 

Re DAVIDE conquista Gjor

Impensabile, insperato, utopistico, una favola da raccontare ai bambini , questo lo scenario per chi ha vissuto il Campionato  Europeo del Folletto Livornese. Ma andiamo per ordine. Non è stato un anno privo di difficoltà per mister Passoni e Davide Finocchietti, piccoli  problemi che in un anno così importante rischiavano di rendere tutto tremendamente difficile. Poi la partenza finalmente dopo tanta attesa, i giudici, lo striscione e poi il botto: si parte. Ritmo lento, forse troppo e il Finocchietti nascosto, tranquillo, sicuro proprio così come lo staff tecnico aveva pensato. Poi nel torpore arriva il comando… ”dare una scossa per fare selezione”, ma il Folletto ci pensa su ancora qualche km, non è convinto o forse è troppo consapevole di avere il pallino in mano. Pericoloso  lo spagnolo Paul Mcgrath così come il Turco Ozgur Topsakal che cercano in testa di prendere il largo ma senza convinzione tanto da mantenere dentro anche l’altro Italiano Aldo Andrei. A 3 km dalla fine Davide si trasforma, capisce che è il momento di rompere gli indugi, cambia pelle come Clark Kent faceva in Superman, appare il “FOLLETTO” che tutti in Toscana conosciamo fin troppo bene. Parte e comanda la selezione con evidentissimi problemi tecnici dello Spagnolo e con il Turco maledettamente in  affanno. Nonostante questo Mcgrath , lo spagnolo , non molla anzi sembra poter andare a prendere l’oro ma tecnicamente dimostra carenze evidentissime , tutti aspettano quello che non poteva non arrivare , quello che era giusto, sacrosanto. Lo Spagnolo in PIT LANE e Davide a vestire la corona, Campione Europeo 2018 e la favola si materializza per la nostra nazionale quando da dietro Aldo Andrei brucia in volata il Turco per una splendida doppietta azzurra. Via da Gjor con una unica certezza: ancora una volta GOLIA è sconfitto dalla frequenza, dalla tenacia, dall’intelligenza  di un piccolo grande RE Davide.

Passoni:

“L’urlo è stato un urlo liberatorio dopo una stagione travagliata, solo dopo l’arrivo ci siamo resi conti che l’impresa era fatta, ma ora a mente fredda rimango dell’avviso che le medaglie Internazionali  giovanili come i Titoli Italiani giovanili non contano niente se non inseriti all’interno di una programmazione a lungo termine.“

La cronaca della gara di Calenzano

Sabato 30 a Calenzano di scena la quinta giornata del Trofeo Toscano 2018. Gara su strada che vedeva anche assegnare i Titoli di Campione Regionale su strada 2018 e i Titoli di Società. Il caldo non ha certo fermato i giovani marciatori Toscani che hanno dato vita a duelli senza esclusione di colpi nonostante il periodo sia pre estivo e lontano dalle gare più importanti.

RAGAZZI

Nella Categoria Ragazzi quinta vittoria consecutiva per Lapo Pini (Atletica Libertas Livorno) che questa volta ha però faticato non poco grazie soprattutto all’agguerritissimo Federico Arfà (Atletica Casalguidi) con Pietro Lenaz (Atletica Pistoia e Lucchesia ) sul terzo Gradino del podio. Il Titolo individuale per il primo anno di categoria è stato conquistato da Matteo Bruni (Atletica Casalguidi). Rispettate quindi le gerarchie della Classifica Generale e nulla di cambiato in vetta. Per quanto riguarda i CDS regionali vittoria all’Atletica Libertas Livorno con 84 punti sull’ Atletica Casalguidi seconda con 72 punti e terza l’Atletica Grosseto Banca Tema.

RAGAZZE

Continua l’attacco alla vetta del Trofeo Toscano di Marcia da parte di Lucrezia Nieri (Atletica Prato) che stravince la quinta prova conquistando non solo la vittoria di tappa ma il doppio Titolo Regionale ,essendo lei al primo anno di categoria. La ragazza di Prato, assente nelle due prove iniziali prova l’impresa di rientrare nelle prime posizioni del Trofeo. Secondo prezioso posto per Ester Vannucci (Atletica Casalguidi) e terzo posto per Marta Biagini (Atletica Pistoia e Lucchesia) che riescono ad interpretare al meglio il percorso di gara  conquistando un podio importantissimo ai danni di atlete di vertice come Ines Grillo e Vanessa Caprile che hanno pagato la difficoltà del circuito di Calenzano. Titolo di Società all’Atletica Firenze Marathon con 104 punti e al secondo posto l’Atletica Prato (93 punti) e Asd La Galla Pontedera al terzo posto (73 punti).

CADETTI

Come nella categoria Ragazzi anche nei Cadetti dominio di Claudio De Santis (Atletica Libertas Livorno) che regola con 18” di vantaggio Jacopo Farnesi (Atletica Livorno) che si conferma seconda forza della regione. Nonostante i 18” al traguardo , prova gagliarda per Jacopo che ha provato fino all’ultimo giro ad insediare la leader ship del De Santis che solo nel finale ha trovato lo spunto per conquistare Titolo e quinta prova. Al terzo posto si conferma Gabriele Melisi (Atletica Casalguidi) che però ha faticato non poco dall’incredibile rientro di Marco Pini (Atletica Libertas Livorno) finito quarto per un secondo. Per quanto riguarda il Titolo di società  Bis della Libertas Runners Livorno prima con 42 punti con al secondo posto l’Atletica Prato (12 punti).

Cadette

Ancora un esaltante duello tra Giada Traina (Atletica Livorno) e Luce Accordi (Assi Giglio Rosso). Per loro, che sia Trofeo Toscano, Campionato Italiano o manifestazione Provinciale cambia poco: è sempre grande sfida su ritmi “incandescenti”. La spunta per l’ennesima volta la Traina ma i due secondi di vantaggio al traguardo dimostrano quanto i valori in campo siano equivalenti e quanto ogni gara sarà una sfida all’ultimo secondo. Terzo  posto per Martina Quartararo (Atletica Livorno)  che vince l’importante duello con Emma Umiliani (Assi Giglio Rosso), quarta al traguardo. Duello punto a punto per il Titolo di squadra su strada vinto alla fine dall’Atletica Livorno (55 punti) proprio sull’Assi Giglio Rosso di Firenze. Determinante in questa prova il terzo punteggio di Valentina Piserini che consegna il Titolo alla Squadra di mister Favati. Onore al merito all’Assi di Enzo D’Ignazio. Terzo posto per l’Atletica Calenzano, padrona di casa , che sottolinea il miglioramento costante del Team di Francesco Galeotti.

ALLIEVE

Nei 5 km assoluti femminili solo atlete under 18 al via con la vittoria convincente di Gaia Bommarito (Toscana Atletica Empoli Nissan). La ragazza allenata da mister Sarri ha convinto, dimostrando finalmente una buona distribuzione e convinzione dei propri mezzi. Il secondo posto di Matilde Minuti (Atletica Livorno) riporta l’atleta Livornese in  testa al trofeo complice l’assenza per infortunio di Ginevra Perini. Terzo posto per Lucia Bruni (Atletica Prato) mentre quarta finisce Alessia Frezza (Atletica Grosseto Banca Tema) al rientro dopo otto mesi di stop per problemi fisici.

ALLIEVI

Tra gli allievi continua il duello tra Andrea Cosi (Atletica Firenze Marathon ) e Giulio Scoli (Atletica Livorno). Vince il fiorentino dominando la prova e guadagnando 4 punti di vantaggio rispetto al Livornese quando mancano tre prove alla conclusione del trofeo. Terzo posto per Fabrizio Caprai (Libertas Livorno) in una gara che vedeva anche gli atleti assoluti confrontarsi sui 5km del percorso. Vittoria della Promessa Ettore Grillo su Niccolò Coppini entrambi dell’Atletica Firenze Marathon. Grande impressione, dal punto di vista tecnico, l’ha fatta proprio Ettore Grillo. L’atleta allenato dal Professor Marco Ugolini ha dato vita ad una prova equilibrata e tecnicamente in evoluzione.

Appuntamento ora a sabato 14 luglio, per la sesta prova in pista, al Trofeo Martelli di Livorno e poi ai Campionati regionali Individuali nelle diverse date e sedi e gran finale in quel di Reggio Emilia per l’ottava e ultima prova.