Notizie dal Comitato

CLASSIFICA TROFEO TOSCANO di MARCIA 2018 dopo 2 prove
A questo link la classifica del Trofeo Toscano di Marcia 2018 dopo 2 prove.

INCONTRO TECNICI – GIUDICI MARCIA – Pontedera sabato 24 Febbraio
Il Responsabile Regionale del settore Marcia, Massimo Passoni, ha programmato per Sabato 24 febbraio alle ore 16,00 allo Stadio Mannucci di Pontedera un incontro tra tecnici e giudici di marcia.
Si invitano le Società a dare comunicazione ai propri tecnici di tale iniziativa.

INCONTRO AGGIORNAMENTO TECNICO MARCIA PER TECNICI E ATLETI PROVINCIA DI PRATO – Prato venerdì 2 MARZO
Il Responsabile Regionale del settore Marcia, Massimo Passoni, ha programmato un incontro di aggiornamento tecnico per tecnici e atleti della categoria ragazzi della provincia di Prato per Venerdì 2 Marzo, presso l’impianto sportivo Mauro Ferrari di Prato.
Dalle ore 17,00 alle ore 18,00 è previsto l’incontro con i Tecnici dal tema “”Avviciniamoci alla marcia” e alle ore 18.00 l’incontro con gli atleti della categoria ragazzi per una seduta di allenamento.

Annunci

Il commento di Giulio Scoli

Abbiamo raggiunto telefonicamente Giulio Scoli oggi, lunedì, a due giorni dalla bellissima gara che lo ha visto fra i protagonisti ad Ancona. Ecco cosa ci ha raccontato a proposito della sua impresa.

IMG_1696

Giulio Scoli con il suo allenatore Giorgio “Giorgione” Favati

Ciao Giulio, abbiamo sentito le tue parole a Fabrizio Pezzuto nel pregara, adesso possiamo dire che il tuo puntare in alto era giusto, molto giusto…

Prima della gara mi immaginavo che andasse proprio così e così è andata, sono molto contento, è stata una gara molto emozionante, il ritmo è stato alto fin dall’inizio. Uno dei miei primi obiettivi era di superare Cosi, che aveva gareggiato anche ai campionati regionali lo scorso mercoledì e speravo che quell’uscita, alla quale io avevo rinunciato, potesse condizionare la sua gara.
Ringrazio il mio allenatore Giorgio Favati, che mi è sempre stato vicino anche nei momenti più difficili, fino a qualche anno fa non avrei mai pensato di poter gareggiare a questi livelli e questo terzo posto deve essere solo un altro punto di partenza e non “una linea del traguardo”. Cerchiamo di concentrarci e lavorare per la gara di Roma. Questa medaglia la vorrei condividere con il mio allenatore, appunto Giorgio Favati e la mia nonna che il giorno della gara ha compiuto 82 anni, diciamo che l’ho fatto anche un pò per lei. Penso di aver dimostrato oggi che anch’io posso dire la mia in queste competizioni, l’obiettivo rimane puntare sempre più in alto.
Per il prossimo futuro la cosa è molto difficile perchè può succedere di tutto. La marcia è molto faticosa, sia fisicamente che mentalmente e più si va avanti e più diventa dura, vedremo chi saprà resistere di più. Il mio obiettivo però rimane nel continuare a lavorare tutti i giorni e cercare magari di “rosicchiare” altre posizioni importanti. Gabriele Gamba attualmente è molto forte ma può essere uno stimolo importante cercare in un futuro di essere al suo livello.

Mandela indoor: l’analisi di Fabrizio Pezzuto

Giornata scoppiettante come da aspettative quella del Nelson Mandela Forum, palcoscenico della seconda giornata del Trofeo Toscano 2018. Mercoledì 07 febbraio si sono infatti scontrati i migliori marciatori toscani, con in palio non solo punti preziosi per la classifica generale ma soprattutto i primi Titoli Regionali Individuali. La gara più attesa era senza ombra di dubbio quella dei 2 Km Cadette e le under 16 Toscane non hanno certo deluso le aspettative.

Iniziamo dunque dalle Cadette.

Cadette

Le “magnifiche 6” Cadette

Giada Traina (Atletica Livorno) e Luce Accordi (Assi Giglio Rosso) si sono date battaglia dal primo all’ultimo metro e la portacolori bianco verde, al primo anno di categoria, ha centrato la seconda vittoria dopo l’antipasto di Grosseto. Record Regionale (9’45”86) contro il 9’50”60 di Luce, che per tutta la gara ha lottato come un leone rispondendo attacco su attacco alle scorribande della Traina. Sui 12 giri abbiamo contato almeno 7 attacchi della Livornese e soltanto all’ultimo giro la marciatrice fiorentina ha dovuto cedere. Altro bel duello poi tra Aurora Cerretini (ASD La Galla Pontedera) e Emma Umiliani (Assi Giglio Rosso), rispettivamente terza con 10’07”64 e quarta con 10’11”07. Partenza come al solito generosa della Umiliani, subito alla corda con le due battistrada, poi tatticamente perfetto il rientro della Cerretini che prima si stacca dal gruppo delle inseguitrici poi raggiunge la Umiliani per poi affondare l’attacco decisivo a due giri dalla fine. Completano il podio quinta Martina Quartararo (Atletica Livorno) e Sofia Fiorini (Atletica Casentino Poppi) ottima sesta nonostante il primo anno di categoria. Gara incredibile: basti pensare che la sesta atleta ha chiuso con 10’22”37 e ben 8 atlete sono scese sotto gli 11’.

Cadetti.

Cadetti

Un momento della gara Cadetti

Cadetti podio

Podio Cadetti

Bis nei cadetti per Claudio De Santis (Atletica Libertas Runners Livorno) che fa suo il Titolo con 9’28”98 in una gara per niente scontata; fino agli ultimi giri infatti Gabriele Melisi (Atletica Casalguidi) era riuscito sempre a rimanere a tre o quattro secondi dal Livornese fino a quando la terza proposta di squalifica non lo obbligava in Pit Line per 30”. Finisce comunque secondo davanti a un convincente Mirco Pini (Atletica Libertas Runners Livorno), terzo con 10’04”12. Completano il podio Marco Giovannetti (Atletica Casalguidi), quarto con 10’13”, Jacopo Prete (Atletica Prato) quinto con 10’19” e sesto Tommaso De Stefano (Atletica Libertas Livorno) con 10’43”.

Ragazze.

Ragazze

Le Ragazze premiate da Gianluca Picchiottino

Titolo Regionale Indoor a sorpresa per Vanessa Caprile (Atletica Libertas Runners Livorno) che al primo anno di categoria fa sua la vittoria con 5’32”74 regolando le due portacolori fiorentine, Donata Moschella (5’37”12) e Ines Grillo (5’38”42), entrambe dell’Atletica Firenze Marathon. La Grillo, già vincitrice della prova di Grosseto, rimane comunque in testa alla classifica generale del Trofeo nonostante il passo falso. Le tre atlete erano in tre diverse serie, sarebbe sicuramente stato scoppiettante vederle insieme in un’unica serie. Scontro rinviato al 18 marzo a Collesalvetti per la terza prova del Trofeo. Completano il podio Matilde Ruffini (Atletica Firenze Marathon) quarta con 5’46”47, Nora Pacini (Atletica Firenze Marathon) quinta con 5’47”31 e sesta Alice Colorito (Atletica Calenzano) con 5’47”63.

Ragazzi.

Ragazzi

Ragazzi sul podio

Dominio, titolo, gran tempo e primo posto in classifica generale per Lapo Pini (Atletica Libertas Runners Livorno) che vince e convince con 4’48”22, non lasciando alcun dubbio su chi comanderà il Trofeo in questo 2018. Federico Arfa e Simone Minnella, entrambi dell’Atletica Casalguidi, conquistano il secondo e terzo posto con un gran finale in 5’29” e spicci. Quarto posto per Amerigo Rizzone (Assi Giglio Rosso) con 5’31”75, quinto posto per Tommaso Bologni (Atletica Grosseto Banca Tema) e sesto per Pietro Tenaz (Atletica Pistoia e Lucchesia) con 5’36”77.

Allieve e Allievi.

Assolute

Podio Assolute, con a dx Ginevra Perini, prima delle Allieve

Infine, gara giustamente sottotono sia per chi c’era sia per chi ha deciso di non rischiare nulla a 72 ore dai Campionati Italiani Indoor Allievi di Ancona, che si svolgeranno sabato 10 Febbraio. Vittoria al femminile per Ginevra Perini che sui 3km ha vinto con 15’48”60 mentre al maschile vittoria per Andrea Cosi (Atletica Firenze Marathon) che si è levato la soddisfazione di vincere anche il Titolo Assoluto sui 5km.

Tutto pronto al Mandela Forum

Mancano oramai poche ore all’inizio delle gare di marcia indoor al Nelson Mandela Forum di Firenze ed è completato l’elenco degli iscritti, che ammontano in totale a ben 111 atleti, suddivisi tra 46 maschi e 65 femmine.

Mandela

Scendendo sempre più nel dettaglio, abbiamo 8 maschi e 10 femmine tra gli Assoluti, 17 maschi e 23 femmine tra i Cadetti e infine 21 maschi e 32 femmine tra i Ragazzi.

A questo link tutti gli iscritti, mentre qui sotto riproponiamo l’orario della manifestazione.

Buone indoor a tutti!

Mandela

Indoor super per Picchiottino

4

L’arrivo vittorioso.

Incontriamo Gianluca Picchiottino la mattina dopo la sua vittoria ad Ancona, ma tutto in casa amaranto è già tornato nella normalità, una bella seduta di scarico insieme ai compagni di allenamento per ripartire subito più motivati di prima.

Da due anni affronti la gara indoor come favorito, hai sentito il peso di questa cosa?

Sinceramente no, in questi due anni nonostante i vari ritardi nella preparazione invernale sono sempre riuscito senza problemi ad esprimermi al meglio. Essendo una distanza corta è possibile “improvvisare” una buona gara anche senza averla finalizzata come ho fatto in questi anni.

Come è stato l’avvicinamento alla gara?

Non preparandola, il mio allenatore ha semplicemente fatto coincidere la settimana di scarico con quella della gara, per le settimane di carico abbiamo cercato di capire cosa ci mancava e ci abbiamo lavorato. Per ora siamo ancora in fase di “costruzione” e sono ancora lontano dal periodo di forma.

Ti aspettavi il tempo che hai fatto?

Sì, anche qualche secondo meno. Se fosse stata una gara più combattuta, forse sarei riuscito a fare meglio.

Raccontaci la tua gara…

A differenza degli altri anni che aspettavo il momento giusto per attaccare con un cambio secco, questa volta sentivo di stare bene a ritmi da 4’05” a km e ho deciso di attaccare subito cercando di vedere che cosa sarebbe potuto venire fuori. Fino al terzo km stava andando tutto bene, poi è arrivata un po’ di stanchezza e ho dovuto calare il ritmo. L’ultimo mille è stato quello più duro  ma sono riuscito a non rallentare troppo e a chiudere in 19’33”91.

3

Un momento della gara.

Succedere a Pezzatini nell’albo dei record toscani, una bella responsabilità, lui che ha scritto pagine indelebili della marcia azzurra.

Beh che dire, i record sono fatti per essere battuti. Questi due record assoluti (10km su pista, 5km indoor) hanno un valore diverso proprio perché appartenevano a Pezzatini. Sicuramente sono convinto che non dovremmo aspettare altri 25/30 anni  prima che questi record vengano riscritti. Il movimento giovanile in Toscana è rinato e ci sono già diversi giovani che possono già puntare in alto.

E adesso?

E adesso ho un mese di tempo per prepararmi al meglio per la 20km a Roma dove voglio fare un buon personale. Dal risultato di quella gara si deciderà come affrontare il proseguo di stagione.

Ci saranno stati in questi anni dei momenti difficili, come sei riuscito a superarli?

Con tanta pazienza, e se sono sempre riuscito ad uscire da molti momenti di crisi e d’infortuni è perché mi sono affidato sempre a persone competenti. Un esempio che mi viene in mente è di quest’estate, verso metà giugno mi faccio male sul polpaccio e quando torno dal raduno nazionale mi diagnosticano 3 settimane di stop assoluto. A metà luglio avevo un campionato europeo da affrontare. Mi sono affidato alle persone giuste che dopo 2 settimane sono riuscite a rimettermi in piedi, nel frattempo ho svolto diversi lavori in piscina e poco prima di partire per la Polonia sono riuscito a  tornare a marciare senza dolori. E’  inutile dire che la gara sia andata male, ma per me solo presentarmi sulla linea di partenza è stato un successo. Per questo ringrazio tutte le persone che mi hanno aiutato nei miei numerosi percorsi di guarigioni dai vari infortuni, non voglio fare nomi perché di sicuro me ne dimenticherei qualcuno.

2

Il terzetto da podio, con Chiesa e Brandi.

1

Doverosa foto con l’allenatore Massimo Passoni.

Fabrizio Pezzuto intervista i protagonisti

Giornata indimenticabile quella di domenica 28 Gennaio in quel di Grosseto, ancor più dopo le effervescenti interviste dell’instancabile Fabrizio Pezzuto che, non pago dopo le fatiche organizzative dell’evento, si è messo alla caccia dei protagonisti, con un risultato reso ancor più prezioso dal sapiente montaggio di Giorgio Favati.

Qui l’intervista agli Allievi e alle Allieve, qui invece un video dedicato ai Cadetti.

Proseguiamo la carrellata con una intervista alle Cadette Giada Traina e Luce Accordi, la cui leggerezza viene subito compensata dalla successiva intervista, stavolta ai due grandi “saggi” della marcia presenti a Grosseto, vale a dire Andrea Previtali e Massimiliano Cortinovis.

Non poteva mancare poi il punto di vista di due azzurri U20: Valeria Disabato e Riccardo Orsoni. Potete vedere qui il loro intervento.

Qui Fabrizio Pezzuto alle prese con il tutor della nazionale di marcia, Ruggero Sala e, per finire, Fabrizio va diretto al bersaglio grosso, intervistando nientepopodimeno che Patrizio Parcesepe, allenatore di Antonella Palmisano.